Il CRM dopo la recessione

La crisi economica che ha travolto le imprese ha portato con sé cautela negli investimenti, che si traduce in un’assenza di spesa per le aziende che non hanno liquidità…

14/01/2010

La crisi economica che ha travolto le imprese ha portato con sé cautela negli investimenti, che si traduce in un’assenza di spesa per le aziende che non hanno liquidità, e in una tendenza all’accumulo a fini precauzionali per le aziende che invece non hanno problemi di liquidità.
È quindi scontato il passaggio ad una rivisitazione dell’intero impianto aziendale, dove può trovare realmente posto una domanda di software per la ristrutturazione dei processi aziendali.
In questo scenario la carta vincente è quella di anticipare gli eventi, interpretando i fattori economici critici sul mercato per decidere in che direzione andare per trarre un vantaggio competitivo.
Energia
L’aumento del costo delle fonti di energia ha portato ad una riduzione dei viaggi d’affari. La soluzione potrebbe essere una software che ci aiuti ad interfacciarci con i clienti senza viaggiare: esistono in commercio diversi software per web conference – per esempio Adobe o IBM
Clienti e Vendite
La tendenza all’eccessivo acquisto degli ultimi anni, ha avuto come conseguenza la riduzione dei consumi da parte di persone e aziende. Pertanto le aziende hanno dovuto elaborare strategie e tattiche nuove per l’individuazione delle esigenze dei clienti e l’acquisizione di nuovi, tra cui l’automazione della forza vendita attraverso potenti strumenti informatici.
Demografia
Con il cambio di generazione, sono cambiate anche le aspettative e il modo di approcciarsi al mercato e di vivere i cambiamenti in atto. Paradossalmente anche le persone di mezza età sono più aperte al cambiamento e sono interessate a quello che la nuova tecnologia può offrire. È necessario quindi ripensare i processi di business, e magari pensare a nuove strategie anche dando un’occhiata ai social networks, oppure ai blog dove è possibile “ascoltare” la voce dei clienti e trarre spunto per le proprie strategie di mercato.
Si sta lentamente uscendo dalla crisi, una crisi che, nella sua negatività, può fornire una leva utile a trovare soluzioni.

Matteo Giaccari

 

I Commenti sono chiusi