Il significato della “R” di Sailor Moon R

Bentrovati! Questa volta vi sto facendo aspettare un po’, anche se per una buona ragione: prima di iniziare la guida agli episodi della seconda stagione, vorrei cercare di far luce su uno dei misteri della serie. E cioè la “R” che viene utilizzata per la seconda serie.

rlogo

“Sailor Moon R” è stata la serie di Sailor Moon che in Giappone ha spopolato di più. Per svariati motivi: intanto si trattava della seconda stagione di un anime che aveva ottenuto un buon successo nella sua prima parte, quindi attirò nuovi curiosi che diventarono ben presto fan delle Guerriere Sailor. Inoltre, portò il merchandising della serie a moltiplicarsi, dato che i primi prodotti erano già stati testati durante l’anno precedente ed erano stati dei successi commerciali, le facce di Usagi & co. non solo erano diventate familiari ai bambini ma cominciarono a comparire ovunque. Non esagero se dico che la maggior parte del merchandising delle Sailor appartiene a Sailor Moon R, almeno quello giapponese degli anni ’90.

imac_wallpaper60-sailormoonr

Ma che significa la R del titolo? Per anni sulle riviste specializzate italiane di manga è stato utilizzato “Ribbon” (fiocco), che poteva anche avere un senso, per via della trasformazione di Usagi piena di nastri e anche per la stilizzazione della R a fine titolo. Molti hanno ipotizzato un “Reincarnation”, che è quello che succede alle ragazze alla fine della prima serie, su alcuni anime book un fittizio dialogo delle ragazze con Chibiusa (parleremo di lei nella seconda parte di questa guida!) riportava varie ipotesi tra cui “Returns”, “Red”, “Rush”, “Romance” (che amerei) e anche “Rabbit” ma essendo passate come ipotesi leggermente in sordina nessuno ci ha fatto caso.
Un’ulteriore ipotesi si può avere ascoltando la sigla finale del primo film di Sailor Moon, cioè “Moon Revenge” e in effetti anche la parola “Revenge” comincia con la R e non mi sembra malvagia come soluzione.
Ma forse siamo finalmente giunti ad un punto di svolta, almeno secondo il catalogo della mostra tenutasi a Tokyo nel 2016, il significato sembra essere proprio Return. Non voglio dare una verità assoluta, ma la R stilizzata per quella parte del catalogo (foto sotto) è la stessa della serie e in più anche all’epoca (1993) nel quiz “Hint de pinch” in onda sullo stesso canale della serie (TV Asahi), nel momento in cui parlarono del ritorno delle guerriere sailor in tv, utilizzarono Return come significato. Strano che in ognuno degli anime book della serie la lettera R venga indicata sempre e solo con “Aru” (ar). Chissà se un giorno riusciremo a chiederlo alla Takeuchi o a chi di dovere tra coloro che hanno lavorato alla serie animata.

20180920_134452

 

 

I Commenti sono chiusi