La voce di Anna Magnani

Anna Magnani

Nel silenzio ho udito la voce di Anna Magnani. È stato come il rintocco d’una campana in una chiesa deserta. Limpida e cupa si è diffusa in ogni dove raggiungendo il mio cuore. Ogni parola, distaccata, precisa, appropriata, riecheggiava in quel silenzio facendomi trasalire. Quella voce aveva il potere magico di farmi sentire nel buio, nel nulla, e nello stesso tempo mi invitava ad uscirne per avvicinarmi a lei, unica fonte vitale. Una voce inconfondibile quella di Anna Magnani, una voce che non si dimentica: pronta ad essere carezzevole come il lieve tocco d’una piuma, dolce come lo anelito d’una sposa felice, trepidante come l’ansia di una madre, amara come un’agonia, sibilante come la scia d’una sferzata, violenta come la collera del cielo, aggressiva come lo scatto felino d’una tigre, tragica come l’eco d’una immane catastrofe.

Marino Onorati

I Commenti sono chiusi