Pesce Anti-Tumore

Secondo uno studio, le donne che mangiano circa tre porzioni di pesce a settimana hanno una probabilità inferiore di avere polipi al colon rispetto alle donne che ne consumano solo una ogni due settimane.

Un polipo, chiamato anche adenoma, è un tipo di tessuto a forma di fungo che cresce nel colon e può degenerare in cancro del colon-retto.

L’idea che i ricercatori hanno perseguito è che i grassi omega-3 nei pesci potrebbero avere un effetto anti-infiammatorio che potrebbe impedire lo sviluppo di polipi.

Precedenti esperimenti su animali hanno dimostrato che i grassi omega-3 possono ridurre il rischio di questo tipo di cancro, ma che gli studi sull’uomo hanno avuto risultati contrastanti.

Nell’ultimo studio, i ricercatori hanno intervistato più di 5.300 persone riguardo alle loro abitudini alimentari. Tutti i partecipanti erano entrati nelle pratiche dei ricercatori per una colonscopia.

Il team ha poi confrontato più di 1.400 donne senza polipi a 456 che hanno rilevato adenomi durante la procedura.

Dopo aver considerato differenze come età, fumo e medicinali, le donne che hanno mangiato più pesce – tre porzioni a settimana – avevano il 33% in meno di probabilità di avere un polipo rispetto a quelle che ne mangiavano meno – ovvero meno di una porzione alla settimana.

Naturalmente, non è mai possibile escludere che altri fattori possano spiegare i risultati. Ad esempio, è possibile che gli amanti del pesce abbiano altri comportamenti salutari che riducono il rischio di polipi.

Inoltre, lo studio non ha seguito le donne per vedere se entrambi i gruppi avessero maggiori probabilità di sviluppare il cancro. Ma il Dr. Harvey Murff, autore principale dello studio e professore alla Vanderbilt University di Nashville, nel Tennessee, ha detto che i polipi sono un predittore affidabile per il rischio di cancro.

Un rischio inferiore del 33 per cento non è enorme, ma è una differenza importante considerando che il cancro del colon-retto è un cancro comune.

Circa 140.000 nuovi casi di tumore del colon e del retto vengono diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti, e oltre 50.000 persone moriranno di cancro. Il rischio durante la vita di sviluppare la malattia è di circa il 20%, secondo l’American Cancer Society.

Gli uomini nello studio di Murff che mangiavano molti pesci non vedevano tuttavia le stesse riduzioni del rischio di polipi rispetto alle donne.

Murff ha detto che non ha una buona spiegazione per questo, ma forse gli uomini sono meno sensibili agli omega-3 nel pesce e hanno bisogno di mangiarne di più per ottenere qualche beneficio. Potrebbe anche essere che forse gli uomini mangiano più grassi omega-6, contrastando gli effetti degli omega-3.

Gli acidi grassi Omega-6 sono correlati alla produzione di un ormone chiamato prostaglandina E2, che è associato con l’infiammazione.

Murff ha spiegato che mangiare acidi grassi omega-3 riduce i livelli di acidi grassi omega-6 nel corpo. A sua volta, il corpo riduce i livelli di prostaglandina E2.

Lui ei suoi colleghi hanno dimostrato questa correlazione mostrando che le donne nello studio che mangiavano più pesce – e presumibilmente più omega 3 – avevano livelli inferiori di prostaglandina E2.

“Sappiamo che le persone che hanno livelli più alti di questo (ormone) hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro del colon-retto. Quindi, in sostanza, mangiando più acidi grassi omega-3, è quasi come prendere un farmaco anti-infiammatorio “, ha detto Murff a Reuters Health.

Quindi pesce ma non solo: semi di lino, semi di chia, semi di canapa, cavoletti di Bruxelles, noci; vanno inseriti nella nostra dieta quotidiana per preservare il nostro benessere.

 

Fonte:

The American Journal of Clinical Nutrition, 25 gennaio 2012.

I Commenti sono chiusi