Articoli marcati con tag ‘USA’

Come è stata trasformata lo slip dalle origini fino ad oggi

Tutte le informazioni riguardo intimo donna hot disponibili a questo indirizzo.

Il termine mutanda, sia maschile che femminile, fa riferimento ad un capo da mettere in modo diretto a contatto con le parti intime. Il vocabolo, difatti, deriva dal latinomutandus: da cambiarsi.

Anticamente, le mutande erano un indumento a utilizzo riservato degli uomini, mentre le donne indossavano una banale camicia lunga, sino a nascondere le zone intime. Le mutande per donna arrivarono un po’ più tardi, verso l’Ottocento, ma sin dall’inizio si proseguiva ad avere una certa perplessità, persino fra le donne stesse.

Pronunciare tale indumento, infatti, era vietato in pubblico! Le mutande erano formate da lunghe brache nascoste agli occhi di altri e non possedevano alcuna funzionalità di aspetto. Dopo qualche tempo fu inserita la primaria biancheria intima bianca addobbata con dei pizzi, il reggiseno al contrario derivava dai romani ed era una benda di cuoio con l’obiettivo di schiacciare e contenere la crescita del seno. Codesto si sviluppò in modo da essere definito un indumento fondamentale per l’intimo della donna.

Tra gli anni ’20 e gli anni ’60 ci furono differenti trasformazioni alle mutande, sino a giungere all’avvento della minigonna che costrinse le ragazze che la vestivano all’uso dello slip. Esistono molte varianti dello slip, il perizoma e il tanga contraddistinte dalla natiche completamente scoperte, la brasiliana che è una metà tra slip e perizoma, ultima ma non per rilevanza la culotte, un indumento aderente che mira a fasciare completamente il bacino.

Per gli uomini, invece, in aggiunta appunto agli slip, esistono i boxer, con la loro linea tipica del pantaloncino aderente, il perizoma da uomo e il sospensorio.

Il vocabolo slip, di derivazione inglese, è stato utilizzato per la prima volta nel 1913, ma furono messi in commercio in USA nel 1935 e successivamente in Inghilterra nel 1938.

THE COLORS OF MYSTERY: THE EXTRAORDINARY RUPNIK ‘S MOSAIC ON COMO LAKE (ITALY)

 Lenno (Como Lake, Italy): a masterpiece created by the great Slovenian artist

1st PART

 

An extension of 50 square meters. Almost 20 thousand colored stones and glasses tiles. These numbers summarized an extraordinary artwork: the mosaic that Slovenian artist Marko Rupnik has created on the walls of the chapel of Suore Adoratrici at the Spirituality Center in Lenno ( Como Lake, Italy). Rupnik’s work – articulated in the scenes of the Nativity and Moses salvation – is a veritable feast of colors conceived, designed and made with meticulous care, great creativity and exceptional talent. Each little stone, every color and every hue are referring to spiritual, religious, cultural and social meanings.

They are mixed and fused in a fascinating tale that brings together two distinct stories – Moses saved from the waters and the Birth of Jesus – in an unique and impressive performance. Marko Rupnik mosaic is not only an incredible artwork, but also and above all an expression of the mystery, whose basic theological idea is this: as the matter changes if it is illuminated by natural light, so human heart may do wonders if it is opened to the Light.

The work was completed in five days during June 2007. Marko Rupnik lead a 11 persons team from different nationalities, formed and supported by competent people who deal with theological, symbolic, historical, iconographic and artistic point of view about the images to create. The harmony we admire in the mosaic is also the result of the fraternity that artists lived together, respecting single diversity and identity. While each artist composed his mosaic’s part, silence prevailed. Each artist has to dialogue with the stones. And the stones answer, obey and communicate with heart’s artist.

Roberto Alborghetti

(1 – To be continued)

 

 ABOUT MARKO RUPNIK

Marko Ivan Rupnik was born November 28, 1954 in Zadlog, Slovenia near Idrija. He is the fourth child, after three sisters. He studied philosophy in Ljubljana and then, in 1977, enrolled in the Academy of Fine Arts in Rome. Theological studies at the Pontifical Gregorian University of Rome followed. He was ordained a priest in 1985. In 1991 he earned a doctorate. Since September of 1991 he has lived and worked in Rome at the Centro Aletti, of which he is the director. He teaches at the Pontifical Oriental Institute, the Pontifical Gregorian University, Saint Anselm Pontifical Liturgical Institute, and gives seminars and lectures at numerous other European academic institutions. In February 2000 he received the “France Preseren” Award, the Slovenian Republic’s highest recognition for contributions to the cultural patrimony. In 2002 he was decorated with the honor “Sign of honor of the freedom of the Slovenian Republic”, conferred on him by the president of the republic. In 2003 he received the international “Beato Angelico” prize for Europe. Besides many collective exhibits he has presented his works in personal exhibits among which those in Rome, Italy; Milan, Italy; Baltimore, Maryland USA; Cleveland, Ohio, USA; Ljubljana, Slovenia; Ljubljana, Slovenia; St. Petersburg, Russia; Czech Republic; Olomouc, Czech Republic; Cluj, Romania. He created lot of artworks in Italy, France, Czech Republic, Slovenia, Syria, USA, Spain.

  

I COLORI DEL MISTERO: LO STRAORDINARIO MOSAICO DI RUPNIK SUL LAGO DI COMO

PRIMA PARTE

 Cinquanta metri quadri di estensione. Quasi ventimila tessere colorate, in pietra ed in vetro. Dentro questi numeri è riassunta una straordinaria opera d’arte: il mosaico che l’artista Marko Rupnik ha creato sulle pareti della cappella del Centro di Spiritualità delle Suore Adoratrici in Lenno, Como. L’opera di Rupnik – articolata nelle scene della Natività e di Mosè salvato dalle acque – è una vera e propria festa di colori, che l’artista ha ideato, progettato e composto con cura meticolosa, creatività, eccezionale bravura.

Ogni pietra incastonata nel muro, ogni tinta ed ogni colore rimandano a precisi significati spirituali, religiosi, culturali e sociali che si fondono in un suggestivo racconto che riunisce le due distinte storie – Mosè e la Nascita di Gesù – in una unica e grandiosa rappresentazione. Il mosaico di Marko Rupnik non è solo opera d’arte, ma espressione del Mistero; la sua idea teologica di fondo è questa: come la materia creata se illuminata dalla luce naturale subisce cambiamenti, variazioni così a maggior ragione quando il cuore dell’uomo è toccato dalla Luce può operare meraviglie e trasformazioni!

L’opera è stata realizzata nel giugno 2007 e compiuta In cinque giorni. L’ equipe era formata da 11 persone di diverse nazionalità, guidata da Rupnik. Il gruppo è formato e supportato da persone competenti che affrontano dal punto di vista teologico,simbolico,storico, iconografico e artistico le immagini che poi dovranno realizzare nel cantiere.

L’armonia che cogliamo nel mosaico è anche frutto della fraternità che gli artisti vivono fra loro e dove la diversità diventa ricchezza. Mentre ciascun artista componeva la sua parte di mosaico, il silenzio dominava. Ogni artista deve instaurare un dialogo con la pietra, che “risponde”, obbedisce e viene ascoltata dal cuore umano.

(1 – Continua)

 

 

HAIKU AND VISUAL ART TELLING “A JAR OF RAINWATER”

 Joshua Sellers words fused in Roberto Alborghetti’s Lacer/actions artworks: this is an Haiga

 

A jar of rainwater

clouds drifting

two or three

 

Una brocca di pioggia

si lasciano sospingere

due o tre nuvole

 

Une broc de pluie

se laissent pousser

deux ou trois nues

 

Une jarro de lluvia

se dejan transportar

dos o tres nubes

 

This is the third step of my collaboration with musician, producer and poet Joshua Sellers, from West Memphis (Arkansas, USA). We had previously collaborated on a music video, for “Linger.” Now, in a different kind of collaboration, fusing Joshua ‘s words this time with my images – realistic pics of torn posters and urban signs – , we are presenting a series of haiga: a combination of haiku and visual art. Here is the third of a series of four we have created so far. Poetry and my “Lacer/actions” artworks for a fascinating trip through imagination and states of mind… I took this image from a ripped poster sticked on the wall. ( 3 – To be continued)

 

ABOUT HAIGA

Haiga is a style of Japanese painting based on the aesthetics of haikai, from which haiku poetry derives, which often accompanied such poems in a single piece. Like the poetic forms it accompanied, haiga was based on simple, yet often profound, observations of the everyday world. Stephen Addiss points out that “since they are both created with the same brush and ink, adding an image to a haiku poem was… a natural activity.”

Just as haiku often internally juxtapose two images, haiga may also contain a juxtaposition between the haiku itself and the art work. The art work does not necessarily directly represent the images presented in the haiku. Stylistically, haiga vary widely based on the preferences and training of the individual painter, but generally show influences of formal Kanō school painting, minimalist Zen painting, and Ōtsu-e, while sharing much of the aesthetic attitudes of the nanga tradition. Some were reproduced as woodblock prints. The subjects painted likewise vary widely, but are generally elements mentioned in the calligraphy, or poetic images which add meaning or depth to that expressed by the poem.

 

 

In a Spider Web: the second Haiga+Lacer/actions art:

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/11/14/in-a-spider-web-words-and-images-for-a-trip-trhough-perception/

 

 

 

Moonlit Sky: the first Haiga+Lacer/actions art:

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/11/07/moonlit-skythe-first-haigalaceractions-by-joshua-sellers-and-roberto-alborghetti/

 

 

Links to “Linger” videoclip by Joshua Sellers and Roberto Alborghetti

 

Earscapes Channel

http://youtu.be/iTtli44H66w

 

Lacer/azioni Channel

http://youtu.be/lOTx5QphUjE

 

 

E due!

[da Centro Studi Jeanne D'Arc]

 

Dopo la testa livida di Saddam Hussein, ripresa appena dopo l’impiccagione, gli esportatori USA di democrazia mostrano in mondovisione il secondo trofeo: la testa insanguinata di Gheddafi. Così, in Iraq, Libia, Tunisia ed Egitto, gli Stati Uniti non dovranno più vedersela con rais incontrollabili ma, finalmente, con tragicomiche democrazie, molto controllabili. Nel nuovo islam mediterraneo, ora costellato di stati-cliente degli Stati Uniti, non accadrà più –come era accaduto tra il governo Berlusconi e il colonnello Gheddafi- che un governo occidentale stipuli accordi per forniture di petrolio e di gas naturale senza il permesso delle compagnie petrolifere americane. Lo hanno capito tutti, ma non era difficile da capire. All’inizio della primavera araba made in USA, il quotidiano economico “Italia Oggi” del 26 febbraio 2011, riportava un articolo di Piero La porta dal titolo Obama vuole il petrolio libico e sottotitolo: La Casa Bianca dietro il piano per destabilizzare Gheddafi” .

L’afroamericano che siede alla casa Bianca mira però a destabilizzazioni ancora più cospicue. Per questo il sistema massonico“liberal”del quale egli è una secrezione, lo ha depositato sulla poltrona presidenziale.

Scriveva La porta:

Questo macello, apparentemente cominciato a fine gennaio nella piazza centrale del Cairo, ha l’obiettivo di abbattere Gheddafi, odiato dagli inglesi, cui consegue il possesso deipozzi petroliferi e rincaro delgreggio. Scopo strategico? Destabilizzare Mediterraneo ed Europa senza limiti di tempo, lo ha scritto George Friedman, affinché la Cina commerci solo con gli Usa”.

Il primo punto è chiaro quanto basta: destabilizzare il Mediterraneo significa per l’America creare nuovi soggetti politici che non ostacolino la sua egemonia in quella regione, così ricca di petrolio, in vista dell’entrata in scena delle potenze economiche emergenti. In altre parole, significa imporsi come mediatore commerciale unico per Cina, India, Brasile. Ma perché destabilizzare l’Europa?

Perché questo significa, per l’America, neutralizzare l’unico potenziale concorrente nello scenario del nuovo ordine del mondo. Non siamo noi a supporlo, ma è Zbignew Brzezinski a dichiararlo. Questo individuo, uomo-chiave del sistema liberal USA e consigliere di Obama, (l’asse Brzezinski –Obama è stato denunciato da un dossier dell’Accademia militare di West Point) è stato il fondatore, su mandato del gruppo Rockefeller, della “Commissione Trilaterale”, potentato semiufficiale che il Corriere della Sera indica come il motore silenzioso della globalizzazione. ( 1 agosto 2000, articolo di Paolo Lepri)

Brzezinski scrive a p.105 del suo La grande scacchiera( Longanesi, 1998) che un “Europa veramente coesa e influente può diventare un rivale politico per gli Stati Uniti”. Dunque la posta in gioco della primavera araba, confezionata dall’intelligence americana, non è solo economica ma anche geopolitica: premere sull’Europa, lungo l’arco del Mediterraneo meridionale, con una mezzaluna (appunto) di Stati amici degli USA, islamicamente pericolosi quanto basta.

A questo penseranno i fondamentalisti, amichetti di Barak Obama, che si preparano a prendere possesso delle nuove democrazie arabe come l’Egitto, paese nel quale, come è noto, sono già al lavoro nell’incendiare chiese e fomentare strage di cristiani. Parliamo deiFratelli musulmani, futuri gendarmi del Nord Africa e, al presente, controllori delle comunità islamiche immigrate in Europa. Questa organizzazione fondamentalista è sponsorizzata in America ed ospitata in Inghilterra. Non in Algeria ma nella città inglese di Markfield (Leicestershire) ha sede la Fioe (Federazione delle organizzazioni islamiche in Europa) che raggruppa tutte le sigle che in Europa aderiscono ai “Fratelli musulmani”.

Non in Pakistan ma a Londra, il 12 luglio 2004, si è svolta l’Assemblea per la protezione dell’hijab ( il velo tradizionale delle donne islamiche), con la partecipazione di 300 delegati di 15 paesi europei tra cui l’Italia. Nel corso dell’Assemblea, svoltasi sotto il patrocinio ufficiale del sindaco di Londra, Ken Livingstone,è stata ufficializzata l’egemonia dei “Fratelli musulmani” sull’intero islam europeo. E’ chiaro come tutto questo non avvenga a causa di una inaspettata passione degli inglesi per il Corano.

Ci informa La porta nel suo articolo del febbraio 2011:

Tutto iniziò l’11 settembre 2001, ma il quadro era oscuro. James Clapper , responsabile dell’intelligence di Hussein Barak Obama, come altri esponenti statunitensi di primo livello, accredita i terroristi Fratelli Musulmani come organizzazione laica, persino stabilizzatrice nella fascia nordafricana. (…)

Così un’evidenza affiora, sporca e brutta come una chiazza di greggio sul mare cristallino: la santa alleanza fra una parte dell’Islam fondamentalista e Obama.Clapper tesseva le lodi dei Fratelli musulmani. Lo facevaanche in presenza di parlamentari statunitensi, scombussolati dalle amicizie spericolate della Casa Bianca. (…)

Perché tutto questo? Per distruggere il Cristianesimo europeo, troppo ingombrante e incompatibile con il nuovo ordine del mondo pensato dalle logge e dalle banche. Gheddafi non mentiva quando si dichiarava nemico del fondamentalismo. Obama, invece, da buon massone, mente sempre e si prepara a promuovere il fondamentalismo islamico in Europa, per destabilizzarla e così impedire che essa diventi coesa e influente, coadiuvato in questo dalla sinistra postcomunista. Il boia e i suoi aiutanti.